IL RESOCONTO COMUNALE DELL’EMERGENZA METEO A VICOPISANO DIFFERISCE DA QUANTO DIPINTO DA ALTRE FONTI.

L'Eco del Monte e del Padule 14 febbraio 2014 0
IL RESOCONTO COMUNALE DELL’EMERGENZA METEO A VICOPISANO DIFFERISCE DA QUANTO DIPINTO DA ALTRE FONTI.

Non neghiamo l'evidenza di alcuni problemi, ma in rapporto alle 
quantità d'acqua cadute le criticità sono state gestite al meglio”.


Il Comune si è nuovamente prodigato, vista l’allerta meteo del 10 febbraio, per 
coordinare i Consorzi di Bonifica, le associazioni di volontariato e gli operai 
comunali.
Sono soddisfatto perché siamo stati all’altezza della situazione e i monitoraggi 
dei livelli idrometrici, continuati anche nelle due notti fra il 10 e l’11 e fra l’11 e 
il 12 febbraio, hanno tenuto sotto controllo la piena dei Rii.” - racconta il Sindaco 
Juri Taglioli – “Sono rimaste in funzione nelle 24 ore le idrovore sui tre 
Rii più importanti del Comune: sul Rio Brandano a Cevoli, sul Rio Uliveto, 
sul Serezza. Inoltre altre idrovore dei Consorzi, del volontariato e del Comune 
erano pronte ad entrare in funzione qualora l’acqua proveniente dall’empolese 
avesse fatto salire l’Arno.”
Il Centro Operativo Comunale è stato aperto dalle ore 9 di lunedì 10 febbraio fino 
a martedì mattina; e le Scuole hanno seguito il regolare orario di entrata e uscita.

IL FIUME ARNO PRESSO CALCINAIA (RENATO CAMILLI).

Tuttavia: l’Arno, come avvenuto il 31 gennaio scorso e come non succedeva da 
moltissimi anni, ha superato i livelli di guardia. Questa condizione ha evidenziato 
alcuni problemi sul territorio. Infatti, nonostante l’impegno della Polizia Idraulica 
Provinciale (alla quale avevo chiesto la massima attenzione) a mantenere pulite 
le paratoie che difendono l’edificato dal fiume, si sono verificati alcuni allagamenti 
nei locali sotto il livello del piano di campagna (scantinati e garage) in una zona 
circoscritta di Cucigliana.” – aggiunge Taglioli – “Grazie all’azione delle 
Associazioni di volontariato che abbiamo chiamato a intervenire, e che ringrazio 
per la tempestività e disponibilità fino all’una di notte, siamo riusciti a non far 
degenerare l’allagamento in questa zona. Le associazioni hanno pompato l’acqua 
con diverse idrovore mantenendo il livello basso. Fatto questo, non ci siamo 
buttati alle spalle il problema: anzi, il giorno stesso della piena ho invitato il 
responsabile della Polizia Idraulica a fare un sopralluogo per verificare la situazione. 
La Polizia Idraulica ha preso coscienza che l’allagamento a Cucigliana era dovuto 
all’acqua proveniente dall’Arno; e si è presa l’impegno, nei confronti del nostro 
territorio, di trovare le risorse necessarie per dare priorità a garantire il 
funzionamento nella massima efficienza delle paratoei/ventole posizionate 
all’altezza della confluenza dell’Arno con i vari Rii.”

Leave A Response »