16ENNE BIENTINESE FERITO GRAVEMENTE ALL’ADDOME DA UN COLPO DI PISTOLA. ERA IN CAMPANIA PER LE NOZZE DI UNA PARENTE

L'Eco del Monte e del Padule 7 giugno 2016 0
16ENNE BIENTINESE FERITO GRAVEMENTE ALL’ADDOME DA UN COLPO DI PISTOLA. ERA IN CAMPANIA PER LE NOZZE DI UNA PARENTE

OPERATO D’URGENZA A NAPOLI, SI TROVA TUTT’ORA IN PROGNOSI RISERVATA

Il giovane era ospite dei nonni paterni a Biancano di Limatola in provincia di Benevento, in occasione del matrimonio di una parente. Si è ferito accidentalmente con una pistola, regolarmente detenuta dallo zio (il fratello del padre), la mattina del 4 giugno scorso verso le 11, quando tutti i membri della famiglia, originaria della provincia di Napoli, erano fuori per ultimare gli ultimi preparativi per le nozze. Nell’abitazione era rimasta solo la nonna ed il giovane, ha trovato l’arma rovistando per la casa ed ha iniziato a maneggiarla nella convinzione che fosse una pistola giocattolo, senza sospettare che fosse carica.
L’imprudenza gli è stata fatale perché dalla Beretta calibro 9×21 è partito accidentalmente un colpo che lo ha raggiunto in pieno addome.
Le grida di dolore hanno richiamato subito la nonna, che ha contattato i parenti ed allertato i soccorsi, giunti immediatamente sul posto. Constatata la gravità della situazione, è stato chiamato un elisoccorso del 118 che ha trasferito il ragazzo a Napoli, all’ospedale “Cardarelli”.
Qui il 16enne è stato ricoverato con codice rosso e sottoposto ad un delicato intervento perchè il proiettile, nonostante sia fuoriuscito dal corpo, ha leso alcuni organi importanti.
L’intervento è riuscito, ma le condizioni del giovane rimangono serie, tanto da consigliare l’equipe sanitaria del nosocomio napoletano a mantenere il 16enne per alcuni giorni in coma farmacologico. Pare che oggi il ragazzo abbia parzialmente ripreso coscienza fino al punto di intrattenere alcune brevi conversazioni con i genitori ed i parenti accorsi al suo capezzale.
I carabinieri di Dugenta e quelli della Compagnia di Montesarchio, diretti dal maggiore De Nisco, hanno ascoltato i familiari dello sfortunato giovane bientinese per ricostruire le varie fasi del ferimento.

Leave A Response »