CASCINA, INCONTRO TRA AMMINISTRAZIONE, GEOFOR E A.V.R. – SUL TAVOLO I RECENTI DISSERVIZI, LA CONVENZIONE 2016, GLI OBBLIGHI DI GEOFOR E LE PENALI PER LE DITTE APPALTATRICI

L'Eco del Monte e del Padule 12 luglio 2016 0
CASCINA, INCONTRO TRA AMMINISTRAZIONE, GEOFOR E A.V.R. – SUL TAVOLO I RECENTI DISSERVIZI, LA CONVENZIONE 2016, GLI OBBLIGHI DI GEOFOR E LE PENALI PER LE DITTE APPALTATRICI

Parrini: «Più spazzamenti e tagli dell’erba» – Il neo-assessore (e Vicesindaco) ha chiesto una nuova collocazione per il deposito dei mezzi in via del Nugolaio e l’inserimento in convenzione di penali per i disservizi

Michele Parrini, nuovo assessore all’ambiente del comune di Cascina, ha incontrato ieri – lunedì 11 luglio 2016 – il presidente di GEOFOR spa Paolo Marconcini insieme ai responsabili di A.V.R. Spa (l’azienda che dal 1 luglio si occupa della raccolta dei rifiuti porta a porta sul territorio comunale) per ottenere spiegazioni e chiarimenti sui disagi che molti cittadini hanno dovuto sopportare in questi primi giorni di luglio sul fronte della raccolta dei rifiuti.

«Abbiamo parlato inizialmente delle lacune che il servizio ha accusato nei giorni scorsi – ha affermato il Vicesindaco ed Assessore Michele Parrini al termine dell’incontro – Sui marciapiedi abbondavano “mastelli” per la raccolta porta a porta ed i sacchi dell’immondizia. Ci sono state alcune strade dove i rifiuti differenziati non sono stati raccolti per giorni, e con queste temperature è facile immaginare il disagio dei residenti – ha proseguito – Ho chiesto spiegazioni al presidente Marconcini ed ai dirigenti della nuova appaltatrice del servizio di raccolta, ma a quanto pare il “passaggio di consegne” dalla CFT (l’azienda che gestiva il servizio fino al 30 giugno scorso, ndr) alla A.V.R. è stato più difficoltoso del previsto. E’ del tutto comprensibile che gli operatori e gli autisti di A.V.R. abbiano dovuto innanzi tutto prendere confidenza con il territorio, conoscere le strade e poi fare i conti con alcuni guasti ai mezzi di raccolta. All’incontro con Marconcini era presente anche Stefano Bertini, responsabile tecnico di zona di AVR, insieme all’amministratore delegato Claudio Nardecchia. Hanno entrambi assicurato che la situazione, dopo questo prime difficoltà, è stata messa a regime».

Durante l’incontro si è discusso anche sull’ubicazione del deposito dei mezzi di raccolta, al momento situato a Navacchio, in via del Nugolaio: «Entro un mese AVR e Geofor individueranno un altro luogo in cui concentrare i camion della raccolta – ha assicurato Parrini – Lo faranno in accordo con il Comune, individuando una zona in cui i mezzi non potranno arrecare disagio alle abitazioni o ad altre attività produttive. Nel frattempo ho chiesto ai dirigenti di assicurarsi che l’attuale deposito fosse in regola con i permessi richiesti dalla normativa vigente».

Un accorgimento richiesto dal nuovo assessore all’ambiente riguarda il taglio dell’erba che spesso infesta u marciapiedi: «E’ stata una grossa sorpresa scoprire nel CAPITOLATO che Geofor effettua lo spazzamento dei marciapiedi ma non il taglio delle erbe infestanti – ha aggiunto Parrini – Mi sono accorto di questa assurdità solamente una volta avuto accesso ai documenti, ed ho subito richiesto che Geofor ci sottoponesse al più presto una variante al capitolato in cui questa disposizione sia integrata dal taglio delle erbacce. A Cascina, in altre parole, l’addetto passa sui marciapiedi, li spazza ma non si cura di tagliare le erbacce che possono crescere».

Sarebbe come se chiedessimo al nostro convivente di andare al piano superiore dell’abitazione a chiudere la finestra, quest’ultimo ci andasse, la chiudesse, ma non ci avvertisse del fatto che ha trovato un intruso… «Mica mi avevi chiesto di dare l’allarme – potremmo sentirci rispondere una volta scoperto il furto e fatta la conta dei danni – mi hai chiesto di chiudere la finestra ed io l’ho fatto. Che vuoi di più ?»


L’ultima questione affrontata da Parrini è stata quella della nuova stazione ecologica da realizzare a Navacchio. «Anche in questo caso ho scoperto che se non indichiamo per tempo e con assoluta certezza l’area da destinare alla realizzazione della struttura rischiamo di perdere il finanziamento di 170mila euro dell’Ato Costa, una somma che permetterà all’amministrazione di coprire il 50% dei costi. L’area destinata ad accogliere la stazione ecologica è alla rotatoria tra via Arzachena e via Caprera nella zona artigianale del capoluogo. Formalizzeremo al più presto questa individuazione, con l’idea di realizzarvi non solo un’area di stoccaggio ma anche un’area di primo riciclo».

Infine è stato affrontata la questione delle penali per i disservizi causati da GEOFOR.«Dall’esame della convenzione per l’anno 2015, che l’Amministrazione comunale di Cascina deve ancora firmare per il 2016, sembra che non siano previste penali per i disservizi (pensiamo ai frequenti scioperi del personale, alla mancanza di mezzi, alla mancata distribuzione dei kit, ecc…) – ha concluso Parrini – Nel caso in cui venisse confermata l’assenza di penali, esse saranno inserite nel testo della convenzione di rinnovo per il 2016».

FONTE: COMUNE DI CASCINA

Leave A Response »