“IL POPOLO CATTIVO” DI E CON ANDREA KAEMMERLE IN TRASFERTA A QUERCIANELLA (CASTEL SONNINO)

L'Eco del Monte e del Padule 1 agosto 2016 0
“IL POPOLO CATTIVO” DI E CON ANDREA KAEMMERLE IN TRASFERTA A QUERCIANELLA (CASTEL SONNINO)

Martedì 2, mercoledì 3, giovedì 4 agosto alle 21,30 a CASTEL SONNINO – Quercianella (Livorno)

“Guascone Teatro” in un’imperdibile trasferta estiva, cullati dai raggi del sole serotino e dalla luna, dalle onde del mare e l’aria bòna ricca di iodio che “dice fa beme all’ossa”, possibilmente dopo aver consumato un bell’antipasto a base di cacciucco, fritto di barca e impepata di cozze, presenta: 

IL POPOLO CATTIVO di e con Andrea Kaemmerle

E con Roberto Cecchetti (Violino), Filippo Pedol (contrabbasso), Marco Vanni (Sax), Emiliano Benassai (tastiera, fisarmonica)

 

 

Una serata quasi rock nell’animo umano e nelle sue più splendide infamie. Un vaccino contro buonismo, ottimismo e manierismo, al festival di cene e teatro Utopia del Buongusto di Guascone Teatro.

 

Da martedì 2 a giovedì 4 agosto 2016 alle 21,30 al Castello Sonnino di Quercianella (Livorno), Guascone Teatro presenta lo spettacolo comico “Il popolo cattivo”. Di e con Andrea Kaemmerle e orchestra. Ovvero, Roberto Cecchetti (violino), Filippo Pedol (contrabbasso), Marco Vanni (sax), Emiliano Benassai (tastiera e fisarmonica).

 

Alle 20,00 cena in luogo. Informazioni e prenotazioni: 3280625881–3203667354. Sito web: ww.guasconeteatro.it. Da non perdere: Una serata nel castello a picco sul mare e la cena nel giardino alberato.

 

Il Popolo Cattivo è uno spettacolo che non conosce simili in tutto il mondo, pur parlando del mondo intero. Una corsa mozzafiato a tempo di grande musica, alla rincorsa del Popolo Cattivo. Quello che più si è reso protagonista di razzismi, abusi, crudeltà, soprusi, stermini, genocidi, violenze, stragi, umiliazioni. Viaggio allo smascheramento della banalità del male e del male che nasce dalla banalità. Musiche da ogni parte del mondo, scandiranno il ritmo e gli umori mentre Kaemmerle con la solita leggerezza e anarchica comicità si lancia a brutto muso in uno spettacolo totalmente scorretto e sgarbato. Una serata quasi rock nell’animo umano e nelle sue più splendide infamie. Un vaccino contro buonismo, ottimismo e manierismo. Sarebbe piaciuto a Baudelaire, avrebbe erotizzato Oscar Wilde e impietrito De Amicis.

 

Si è capito quale è questo popolo cosi nefasto e nefando? Chi? Gli yankee americani? I nazisti germanici? Gli invasori spagnoli? I colonialisti inglesi? I banchieri ebrei? I fanatici musulmani? I terribili turchi? Gli ingestibili slavi? I fascisti comunisti russi? I musi gialli cinesi? Chi? Chi è il popolo cattivo? I crociati? I francesi di Algeria? I Boeri in Africa? Che il pubblico vada a scoprire il popolo più cattivo.

Istruzioni per un buon uso di Utopia: le cene iniziano alle 20,00. Gli spettacoli alle 21,30. Dopo ogni spettacolo verranno offerti al pubblico Vin Santo, cantuccini ed altri dolci. Si consiglia vivamente di prenotare le cene con almeno un giorno di anticipo telefonando direttamente  ai numeri dell’organizzazione. Cena (facoltativa) ore 20,00 – Euro 12,00 –Escluso eventi speciali. Inizio spettacoli ore 21,30 – Euro 8,00 –  Escluso eventi speciali.
popolo cattivo 6

E’ possibile prenotare anche per SMS indicando cognome, numero dei prenotati, spettacolo e data dell’evento. Importante: questo tipo di prenotazione sarà valida solo quando confermata dagli organizzatori con sms di risposta da mostrare poi alla biglietteria. Info e prenotazioni 3280625881 – 3203667354 – www.guasconeteatro.it.

I vini di Utopia questo anno vedranno un salto di qualità, nella maggior parte delle cene(ove non specificato diversamente) sarà servito un IGT Toscano 90% sangiovese e 10% Merlot invecchiato quattro anni e passato in Barrique prodotto dalla famiglia Castellani che in ogni serata presenterà il suo vinsanto abbinato ai famosissimi cantuccini della pasticceria artigianale Masoni di Vicopisano. Il sapere gustoso di due famiglie che da generazioni producono piaceri con grande intensità.

 

Leave A Response »