L’UNIONE VALDERA SUPPORTA IL COMUNE DI CAPANNOLI ALLESTENDO UNA SEZIONE DELLA SCUOLA MATERNA

L'Eco del Monte e del Padule 18 agosto 2016 0
L’UNIONE VALDERA SUPPORTA IL COMUNE DI CAPANNOLI ALLESTENDO UNA SEZIONE DELLA SCUOLA MATERNA

IN FOTO: il sindaco di Capannoli Arianna Cecchini, il sindaco di Bientina e presidente dell’Unione Valdera Corrado Guidi, il sindaco di Calcinaia (delegato per l’Unione alla cultura, istruzione e servizi scolastici).

La conferenza stampa di questa mattina, tenuta nel palazzo comunale di Capannoli

La conferenza stampa di questa mattina, tenuta nel palazzo comunale di Capannoli

Meno di un mese all’inizio dell’anno scolastico, ma a CAPANNOLI, comune che ha resistito alla tentazione di abbandonare l’Unione Valdera nonostante le “sirene” tentatrici derivanti dalle decisioni di altre amministrazioni, ben 30 famiglie con i rispettivi piccoli, potevano soltanto lamentare quei tagli all’istruzione che avevano privato i loro piccoli del diritto di frequentare la scuola materna.

Come sottolineato infatti questa mattina dal sindaco Arianna Cecchini, erano 30, fino ad oggi, i nominativi dei bambini residenti a Capannoli ed a Santo Pietro Belvedere esclusi dalla graduatoria per la frequenza della scuola materna, fondamentale nella crescita proprio perchè dedicata ad un approccio decisivo alla scuola elementare: “Capannoli e Santo Pietro Belvedere sono realtà in forte espansione demografica – ha spiegato il sindaco – Le cinque sezioni esistenti non bastavano più, si è resa così necessaria la creazione di una sesta sezione, e qui sono iniziati i problemi… Nonostante che l’aula per i ragazzi fosse già allestita all’interno dell’Istituto “Sandro Pertini”, il comune non poteva permettersi di cooptare altri/e due insegnanti qualificati/e”.

Ricordiamo che due anni fa era la Regione Toscana ad assumersi il compito di far nascere nuove classi o sezioni scolastiche con la creazione della “sezione Pegaso”, una sezione in tutto e per tutto parificata alle pre.esistenti ma finanziata, appunto, dalla Regione. Poi tale incombenza è confluita sotto l’egida del governo tramite l’operato del MIUR (Ministero dell’Istruzione), ed il comune di Capannoli si è ritrovato, per così dire, con la mani legate.

Si tratta di un’importante risposta unitaria alle necessità palesate in seguito alla notizia che la sezione richiesta dal Comune di Capannoli per la scuola dell’infanzia sarebbe rimasta senza docenti.

Finanzieremo l’assunzione di almeno due insegnanti con il 10% dell’avanzo di bilancio 2015 – ha confermato il presidente di turno dell’Unione, il sindaco di Bientina Corrado Guidi – Nonostante le difficoltà di questi ultimi mesi, siamo certi che destinare ad interventi mirati le nostre risorse possa rendere finalmente giustizia al ruolo dell’Unione Valdera – ha proseguito – Fino ad oggi i nostri interventi sono stati numerosi ed importanti, magari con impatto minore sulla quotidianità dei cittadini (protezione civile, settore sociale…), ma proprio per questo abbiamo pensato di chiamare la quinta sezione della scuola materna di Capannoli “SEZIONE VALDERA”, per evidenziare anche agli occhi dell’opinione pubblica la validità e l’importanza dell’istituto sovra-comunale dell’unione dei comuni”.

Lucia Ciampi, sindaco di Calcinaia e delegata per l’Unione Valdera all’istruzione ed ai servizi scolastici, entra nel dettaglio: “Stimiamo che la sesta sezione della scuola di Capannoli possa “costare” alle casse dell’Unione 40.000 €uro, forse qualcosa di meno… – spiega – Naturalmente i docenti saranno scelti dall’albo degli insegnanti con un’adeguata professionalità e formazione, in grado di garantire una perfetta omogeneità nel percorso educativo dei bambini – aggiunge – Quella di Capannoli è un’emergenza che è stata subito presa a cuore da tutta l’Unione e sono convinta che non poteva essere fatto investimento migliore. Il futuro dei nostri figli non può passare in secondo piano per nessuna società civile degna di questo nome. Siamo felici ed orgogliosi che a settembre 30 giovani cittadini capannolesi possano fruire della nuova sezione VALDERA”.

Leave A Response »