CALCINAIA SI AFFIDA ALLA COOPERATIVA “ARNERA” PER RECUPERARE LE AREE VERDI DEDICATE AI GIOCHI PER I PICCOLI

L'Eco del Monte e del Padule 27 luglio 2017 0
CALCINAIA SI AFFIDA ALLA COOPERATIVA “ARNERA” PER RECUPERARE LE AREE VERDI DEDICATE AI GIOCHI PER I PICCOLI

Un atto necessario che l’amministrazione non poteva più rimandare” con queste parole Lucia Ciampi, sindaco di Calcinaia, ha aperto la conferenza stampa di questa mattina attraverso la quale è stata comunicata l’adozione della delibera per affidare alla onlus “Arnera” la manutenzione delle attrezzature ludiche suddivise nelle 25 aree verdi sparse nel comune.

La cooperativa Arnera ha sede a Pontedera, e si occupa del recupero di soggetti con difficoltà ed il reinserimento nella società di giovani con un passato difficile alle spalle.

Parliamo di problemi di tossicodipendenza che il lavoro quotidiano e la gratificazione che deriva dal raggiungimento di un obiettivo sicuramente aiutano a superare – ha aggiunto il presidente della Onlus Alessio Leoncini – Per questo motivo siamo grati al Comune di Calcinaia ha dato dimostrazione di capire appieno il senso della nostra missione”.

Anche il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Roberto Gonnelli ha commentato positivamente il raggiungimento dell’accordo:

I lavori sono già partiti, e per una cifra che si aggira intorno ai 40.000 €uro saranno completati entro l’inverno”.

Del totale delle 25 postazioni praticamente tutte necessitano di una manutenzione dovuta all’usura del tempo ma anche alla stupida moda di segnare la propria presenza con atti vandalici, che anche se di impatto lieve, rischiano di rendere l’intera struttura inutilizzabile.

Infatti interverremo in prima istanza sulla sicurezza dei giochi e dei divertimenti” ha assicurato Luca Baroni, il responsabile della falegnameria della cooperativa Arnera, che si trova a Rosignano Solvay.

Luca Baroni (coop. ARNERA) e Roberto Gonnelli fotografati presso l’area-gioco di Piazza Indipendenza a Calcinaia

Nel nostro laboratorio operano già 4 ragazzi, un tecnico ed un falegname responsabile dei lavori – ha aggiunto – Gestiamo già servizi sociali e di reinserimento un po’ in tutta la Toscana, e questa è un’occasione per dare un ulteriore aiuto ai ragazzi “insegnandogli” un la voro che tornerà sicuramente utile una volta ultimato il percorso di recupero”.

Leave A Response »