DASPO URBANO, LE DICHIARAZIONI DI RAFFAELE LATROFA DI “PISA NEL CUORE”

L'Eco del Monte e del Padule 19 agosto 2017 0
DASPO URBANO, LE DICHIARAZIONI DI RAFFAELE LATROFA DI “PISA NEL CUORE”

Raffaele Latrofa, capogruppo di “PISA NEL CUORE” HA ESPRESSO arrivano al cuore della questione “Alcuni mesi fa il Parlamento ha approvato il decreto legge che prevede, fra l’altro, il cosiddetto “DASPO URBANO”, e fin da subito mi sono dichiarato favorevole a questa misura, che tuttavia ritengo insufficiente alla soluzione del problema” dichiara Latrofa.

Ho immediatamente pensato che fosse comunque un’occasione da cogliere da parte della nostra Giunta, per iniziare finalmente a combattere il fenomeno dell’abusivismo dilagante a Pisa” fa sapere

purtroppo il sindaco Filippeschi non si è attivato immediatamente, attendendo e consentendo che il livello di scontro aumentasse ulteriormente, sino ad arrivare all’intollerabile aggressione da parte dei venditori abusivi nei riguardi delle forze dell’ordine” riassume il grave episodio occorso pochi giorni fa.

Il nostro Sindaco ha perso tempo prezioso e ora si trova a dover rincorrere tutti coloro che, come “Pisa nel Cuore”, affermano da tempo che l’insicurezza a Pisa è un dato di fatto accertato, e non una semplice “percezione” come asserito da lui stesso”.

Intendiamoci però” prosegue Latrofa “il DASPO URBANO non sarà certo sufficiente ad eliminare l’abusivismo commerciale o lo spaccio, ma l’iniziativa di qualche giorno fa, intrapresa in piazza del Duomo congiuntamente da PISA NEL CUORE e dalla LEGA di Pisa ha costretto Sindaco e Giunta a fare qualcosa, mentre fino ad oggi avevano colpevolmente e totalmente ignorato il problema”.

Se non ci fosse stata quell’azione di orgoglio da parte di alcune forze politiche, unita ad altre sollecitazioni di altri partiti di centrodestra, siamo certi che l’indifferenza avrebbe continuato a regnare sovrana” prosegue “mentre adesso il PD (o parte del PD…) cosa fa ?” domanda provocatoriamente il consigliere.

Beh… l’impressione è che si tenti di correre ai ripari dando un colpo al cerchio e uno alla botte, “chiudendo in maniera maldestra “il cancello quando ormai i buoi sono scappati”, soltanto per evitare le critiche del Movimento 5 Stelle e di altre forze di sinistra” critica Latrofa.

Un atteggiamento come sempre intriso del solito “BUONISMO DI FACCIATA”, comportamento inriso di pallide scuse finalizzate a NON VOTARE LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO di Polizia Municipale, un atto che consentirebbe l’adozione anche per PISA del “DASPO URBANO”.

Come capogruppo di “PISA NEL CUORE” leggerò attentamente la proposta che la Giunta porterà in Consiglio Comunale, e darò il mio sincero contributo affinché la misura sia più severa, e quindi più efficace possibile”.

Dato che l’argomento riveste un’urgenza basilare il bene di tutta la città, se il provvedimento avrà sufficiente copertura e se soprattutto ci saranno fornite garanzie di una rigida ed inflessibile applicazione, non faremo mancare il nostro voto favorevole in Consiglio Comunale, una posizione che incarna appieno il nostro consueto senso di responsabilità, un valore che da sempre mettiamo al centro della nostra azione politica” dichiara Latrofa.

Insistendo sull’efficacia solo parziale che potrà avere un provvedimento del genere, Latrofa prosegue:

Occorre un controllo efficiente del territorio e un coordinamento tra Comune e forze dell’ordine. Dovrebbe anche anche essere impiegata la Polizia Municipale e gli addetti agli uffici tecnici, in maniera tale da censire gli immobili che ospitano extracomunitari e verificarne i requisiti abitativi e la regolarità di fronte alla legge. Ma tutto questo potremo farlo nella prossima legislatura quando amministreremo Pisa” conclude.


Leave A Response »