Cannabis fiera a Pisa – Il punto di vista dell’osservatorio per le politiche della famiglia

L'Eco del Monte e del Padule 12 ottobre 2018 0
Cannabis fiera a Pisa – Il punto di vista dell’osservatorio per le politiche della famiglia

PISA, 12 OTTOBRE 2018 – In occasione di Canapisa nel 2017 fu organizzato un incontro sul tema della normalizzazione delle droghe leggere.

“Oggi non abbiamo più Canapisa, che aveva almeno un chiaro manifesto culturale ed ideologico, talmente chiaro da essere perfino banale”.

“Oggi abbiamo “CANNABIS Fiera della canapa”, un’accezione sottotitolata da “usi industriali, alimentari, farmaceutici, olistici, ecc…” con annessa l’immancabile immagine della classica foglia a cinque punte, tanto abusata nei decenni passati da rappresentare quasi un’icona della controcultura giovanile”.

“Ora si parla del profilo economico della canapa come nuovo promettente comparto di mercato”.

“In tempo di crisi, sarà forse lo sfruttamento della canapa un aiutino ad un settore sofferente (quello dell’agricoltura), una leggera spintarella, assimilabile al doping ?”

“Mai similitudine appare più azzeccata, ma siamo davvero certi che il principio attivo non transiti nei prodotti ? Sembra di no”.

“Siamo certi che non vi siano alimenti più salutari e tuttavia non così ambigui ed intriganti ?”

“Certo che sì, basta pensare ad un banale limone o agli alimenti ricchi di vitamine.

Siamo certi che dietro un così fiorente mercato ed una conseguente altrettanto fiorente agricoltura, non vi sia la possibilità che qualche foglia se ne vada “perduta”, chissà per quali altri non citati scopi ?”

“Ed infine, l’immagine della foglia in associazione al benessere anche olistico, definizione tanto di tendenza ma in questo caso intesa nella sua accezione “spirituale”, non veicola consapevoli e soprattutto inconsapevoli speranze di imprecisate esperienze oniriche e psichedeliche ?

“Questa economia non apre più problemi che soluzioni ?”

“Anche i derivati e il gioco d’azzardo sembravano nuove frontiere dell’economia e del versante fiscale. Si sono rivelate dei costi enormi umani ed economici per la società”.

“In definitiva a Pisa, ha vinto una destra davvero libera o ancora ostaggio di Canapisa in versione neoliberista/new economy ?”

Leave A Response »