Il sindaco di Pontedera replica al commento dell’Onorevole Ziello sullo striscione dell’Arci Valdera

L'Eco del Monte e del Padule 27 novembre 2018 0
Il sindaco di Pontedera replica al commento dell’Onorevole Ziello sullo striscione dell’Arci Valdera

A Pontedera le nostre “idropulitrici” sono la cultura e la socialità

 

L’ARCI Valdera ha esposto uno striscione con la scritta “più cultura meno paura” afferma il sindaco di Pontedera in risposta alle dichiarazioni di Edoardo Ziello

un’espressione che reputo azzeccata, felice e che rende benissimo il senso che anima il progetto associativo dell’Arci” scrive il sindaco di Pontedera dopo che il deputato della Lega, assessore nel confinante comune di Cascina e membro della squadra recentemente vincitrice a furor di popolo anche nelle elezioni amministrative di Pisa, aveva obiettato sull’accostamento dei due concetti, e nell’evidenziare che contrastare l’allarmante situazione sociale a Pontedera, dove specialmente nei dintorni della stazione, dove lo striscione incriminato è stato esposto, non passa giorno senza che non avvenga un arresto, un reato di microcriminalità, un episodio di degrado o un forte turbamento alla quiete pubblica, appariva inutile se non addirittura provocatorio, “come se si combattesse un’epidemia di colera con il deodorante”…

Aveva immediatamente replicato a Ziello la consigliera regionale del PD Alessandra Nardini, consigliando al parlamentare di pensare alla situazione di Pisa (municipalità gestita dalla Lega da pochi mesi), dove, secondo la Nardini, “il degrado e lo spaccio sono peggiorati”.

Non pensare a liberare Pontedera, ma liberati tu dalla boria !” ha apostrofato lo Ziello in chiusura del suo intervento la consigliera Nardini.

Oggi è intervenuto nella questione anche il sindaco di Pontedera Simone Millozzi a sostegno della collega di partito. .

La promozione di attività culturali, l’accesso e la diffusione della conoscenza, l’espressione della creatività delle persone come fattori di crescita civile e sociale, sono tutti elementi essenziali della democrazia e della partecipazione, antidoti certi alla paura”.

L’onorevole Ziello ci cava l’ennesima stucchevole occasione per parlare a sproposito di Pontedera. L’ossessione sconfina nel ridicolo quando pone in contrasto l’idea della cultura con il tema della sicurezza urbana. Quando avrà voglia di leggere qualche definizione universalmente riconosciuta di “sicurezza urbana” si accorgerà che tutti, ma proprio tutti, anche gli amministratori della Lega che da decenni governano città e Regioni in varie parti d’Italia ritengono ed affermano che la cultura, il presidio sociale e la prevenzione sono tutti elementi che si affiancano e non si sostituiscono all’intervento di repressione e di controllo delle forze dell’ordine”.

Se poi Ziello volesse farsi un’idea un po’ più precisa su Pontedera si legga o venga a vedere pure tutte le (tante) attività che come Comune” invita il Primo Cittadino di Pontedera “Associazioni, cittadini e autorità preposte abbiamo messo in campo per gestire quelle criticità che nessuno nega esistere. A Pontedera come a Pisa, a Cascina come a Gallarate”.
“In questa messinscena l’unico che si può sentire un estraneo a Pontedera è proprio l’Onorevole Ziello con il carico delle sue polemiche vuote come le affermazioni a cui le affida”.

La sua preoccupazione e questa agitazione fuori luogo per uno striscione deriva semplicemente dal fatto che lui e la Lega hanno bisogno della paura per esistere”.

Quelle che per i cittadini sono legittime preoccupazioni a cui rispondere con azioni serie e concrete, per i seminatori d’odio e di intolleranza rappresentano il capitale su cui costruire il castello di carta del nulla che propongono: trovare nemici da combattere e far credere che esistano soluzioni facili a questioni complesse. Pisa e cascina, a due passi da noi, stanno lì a dimostrare come il fumo delle parole si dirada velocemente intorno all’assenza dei fatti.
A Pontedera, con buona pace di Ziello, la cultura e la socialità continueranno ad essere, assieme a tutto il resto, le “idropulitrici” per rispettare la dignità delle persone e contrastare il degrado e le marginalità sociali
. “

Simone Millozzi

Leave A Response »