Cascina, pagamenti dei fornitori senza ritardi

L'Eco del Monte e del Padule 4 aprile 2019 0
Cascina, pagamenti dei fornitori senza ritardi

CASCINA, 4 marzo 2019 – “Migliora ancora la situazione di cassa dell’Ente e dell’indicatore dei pagamenti” afferma l’assessore al bilancio e vicesindaco Dario Rollo.

E’ possibile ora affermare che il comune di Cascina è rientrato definitivamente dall’anticipazione di cassa risolvendo pertanto un grosso problema annoso che abbiamo riscontrato al nostro insediamento. Un problema che si ripercuoteva anche sulla gestione finanziaria, tanto da aggravare il bilancio comunale con il pagamento di interessi passivi, l’impossibilità di utilizzare gli avanzi liberi di gestione di competenza e il fondo investimento, oltre a far aumentare i residui passivi (debiti) e rischiare il pagamento di interessi di mora”.

Inoltre, abbiamo pagato e continuiamo a pagare tutti i debiti dovuti alla mancanza di liquidità che risultavano in sospeso da alcuni anni, prevedendo piani di rientro che terminano con il nostro mandato, sono pressochè estinti – prosegue il vicesindaco nonché responsabile della gestione del bilancio del comune.

E’ questa un’ulteriore dimostrazione della correttezza e della serietà di questa Amministrazione nella gestione finanziaria dell’Ente. Non lasceremo in eredità né debiti dovuti a mancati pagamenti per problemi legati alla liquidità, né quelli di tipo finanziario (i famosi “fuori bilancio” per mancati impegni di spesa e senza le necessarie coperture sui capitoli di bilancio)”.

L’indicatore dei pagamenti delle fatture dei fornitori è la dimostrazione del miglioramento della gestione dell’Ente e della virtuosità nei pagamenti riguardanti gli acquisti di beni, servizi e forniture. Questo valore, infatti, indica la somma dei giorni che trascorrono tra la data di scadenza della fattura e la data di pagamento ai fornitori moltiplicata per l’importo dovuto, rapportata alla somma degli importi pagati nel periodo di riferimento. In altre parole, si tratta di un criterio per valutare l’efficienza dell’amministrazione nel saldare i propri fornitori”.

Il primo trimestre 2019 segna un tempo medio di 1 (uno) giorno (record per il comune di Cascina) a fronte di 14 giorni dello stesso periodo del 2018 (media annua 22 giorni), di 32 giorni del 1° trimestre 2017 (media annua 29 giorni), ben 92 giorni del 2016 (media annua 42), 51 giorni del 2015 (media annua 56). Nel 2012 si arrivava a una media annua di circa 90 giorni”.

Nel primo trimestre di quest’anno sono state pagate 1.411 fatture per un importo complessivo di 3.179.328,44 euro. Un ringraziamento va anche a tutti i dipendenti dell’ufficio ragioneria che danno seguito alle direttive della parte politica e con solerzia e impegno controllano le liquidazioni e predispongono i pagamenti – ha continuato il vicesindaco.

Avere oramai risorse proprie in cassa, ci permette di pagare in tempi celeri e certi i nostri fornitori. Vuol dire anche avere credibilità ed andare incontro alle esigenze degli operatori economici. D’altronde, uno dei problemi principali in Italia è dovuto proprio al ritardo dei pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione – conclude Rollo.

Ebbene, il Comune di Cascina dimostra che la buona gestione della PA è possibile e ci si può distinguere positivamente sotto questo aspetto. Ora il nostro obiettivo ambizioso è ottenere un indicatore negativo, cioè vuol dire pagare tutti i fornitori in anticipo rispetto alla scadenza delle fatture. Un qualcosa di incredibile per il comune di Cascina e le sue casse comunali che solo fino a pochi anni fa erano completamente e perennemente vuote”.

Leave A Response »