Cascina: approvato il progetto “Controllo di vicinato”

L'Eco del Monte e del Padule 16 luglio 2019 0
Cascina: approvato il progetto “Controllo di vicinato”

CASCINA, 16 luglio 2019 – La giunta cascinese ha approvato la delibera inerente il protocollo d’intesa del progetto “controllo di vicinato” da stipulare con la Prefettura di Pisa. L’atto potrà ora essere sottoscritto dal sindaco reggente Dario Rollo e dal prefetto Giuseppe Castaldo. Un’altra importante azione che si somma alle tante attività messe in campo per migliorare la sicurezza sul territorio – commenta Dario Rollo.

Il progetto “controllo di vicinato” è un sistema di prevenzione, per evitare che i reati avvengano.

Non ha nulla a che fare con le ronde, non presuppone atti eroici, non ha funzioni repressive, né, tantomeno, invita ad acciuffare il malvivente. Esso serve soprattutto per ristabilire il senso di sicurezza dei cittadini, e per questo, è importante concentrarsi sulla prevenzione, ovvero trovare un modo per evitare che tali reati avvengano. Il progetto si basa su tre principi: il primo è quello di recuperare il capitale sociale, ovvero ricostruire e rafforzare le relazioni tra cittadini e Istituzioni promuovendo l’educazione e il rispetto della legalità, lo sviluppo del senso civico di appartenenza alla comunità e il miglioramento della azioni di prevenzione; il secondo è l’insegnamento e la formazione dei cittadini stessi, che devono essere in grado di evitare le proprie vulnerabilità ambientali e comportamentali, che possono creare situazioni appetibili per il delinquente; il terzo elemento è la vigilanza e cioè i cittadini devono essere altresì in grado di fare segnalazioni qualificate alle forze dell’ordine, che rappresentano una risorsa indispensabile per il loro lavoro. Dobbiamo quindi cercare di recuperare i rapporti di fiducia coi nostri vicini di casa, sapere di non sentirsi soli è il primo passo per non avere paura. Se ci pensiamo bene, un ladro non vuole farsi vedere, non vuole perdere tempo e, ovviamente, non vuole farsi prendere; per progettare un colpo, i malviventi passeranno davanti alla casa prescelta, non sono fantasmi, basta non girarsi dall’altra parte o far finta di nulla delegando ad altri il problema, e allertare subito le Forze dell’Ordine. Le persone che aderiscono a questo metodo di prevenzione, infatti, sono consapevoli, formate e soprattutto attive, oltre che ovviamente attente a non creare inutili allarmismi – continua Rollo. Nelle zone interessate dal progetto sarà installata una cartellonistica che indicherà ai potenziali malintenzionati, che i vicini di quella zona si sono organizzati ed applicano un controllo costante del territorio. Ogni gruppo avrà un coordinatore che farà da “collante” tra i cittadini e le Forze di Polizia.

Azioni concrete che migliorano ed implementano la politica di sicurezza sul territorio, uno dei punti centrali di questa amministrazione.

Sono allo studio anche collaborazioni con associazioni di ex appartenenti alle Forze dell’Ordine per il controllo delle aree più sensibili quali scuole, parchi gioco e luoghi di ritrovo. Il progetto sarà esteso su tutto il territorio ed in particolare nelle aree periferiche della città.

Leave A Response »