Giochi Olimpici 2032 in Toscana: una grande opportunità per Cascina solamente se condivisa

L'Eco del Monte e del Padule 7 ottobre 2019 0
Giochi Olimpici 2032 in Toscana: una grande opportunità per Cascina solamente se condivisa

Cascina, 7 ottobre 2019 – Il territorio pisano e l’intero litorale devono essere coinvolti nella candidatura alle Olimpiadi del 2032. Il sindaco reggente di Cascina Dario Rollo interviene sulle voci della possibile candidatura del capoluogo di regione insieme a quello della vicina Emilia Romagna all’evento olimpico.

Come già affermato da esponenti di Associazioni di categoria come Confcommercio così come associazioni attente e che amano il territorio quali “Amici di Pisa”, è necessario che tutte le Istituzioni ed Enti locali si compattino per presentare la propria proposta e idee affinché la candidatura della Toscana sia forte e competitiva. Innanzitutto la presenza dell’aeroporto Internazionale Galilei di Pisa è un fattore importante, strategico e vincente, che può agevolare l’assegnazione dei Giochi. In secondo luogo la bellezza dei nostri territori, l’erogazione dei servizi, delle competenze dei nostri imprenditori ad ospitare turisti e della forza e capacità nella gestione di eventi importanti rafforzerebbe la proposta.

Una candidatura della Toscana alle Olimpiadi è senz’altro un’occasione da non perdere perché darebbe la possibilità all’intero nostro territorio di avere uno sviluppo infrastrutturale, economico, sportivo e sociale. Convincere il Comitato ad assegnare i Giochi Olimpici alla Toscana può avvenire solo presentando un piano coordinato ed esteso che prenda in considerazione anche la Toscana Costa.

Sarebbe l’occasione per sviluppare le infrastrutture che mancano e rafforzare quella che ad oggi è il fiore all’occhiello della Toscana, e cioè l’aeroporto pisano.

Pertanto, se le Olimpiadi dovessero esserci, l’aeroporto di Pisa dovrà esserne l’aeroporto principale, portando finalmente l’alta velocità e collegando Pisa e Firenze in tempi brevi.

“Credo che sia interesse di tutti i rappresentanti locali, indipendentemente dal colore politico, favorire lo sviluppo della nostra realtà territoriale in un ottica di sviluppo regionale – afferma Rollo – Non credo che si possa accettare il solo pensiero di vedere penalizzata la Toscana Costa, ancora una volta, o peggio ancora vedere favorire ed incentivare infrastrutture ed economie extra regionali”.

“Penso invece sia assolutamente necessario investire e sviluppare le potenzialità dei nostri territori – prosegue il sindaco reggente di Cascina – una zona che, come ben noto, non è ancora utilizzata in maniera adeguata”.

“Anche  lo svolgimento di gran parte degli sport olimpici dovrebbe avvenire sui nostri territori. Per esempio, per le gare di vela si potrebbe creare un connubio tra la antica tradizione velica pisana, conosciuta per le storiche navigazioni, con il presente e il futuro grazie alle numerose associazioni veliche sul territorio ed in particolare alla cantieristica navale, simbolo mondiale, e orgoglio, della modernità di oggi e visione  del settore per il futuro. Così come altri sport quali per esempio l’equitazione con la presenza del parco di San Rossore e le annesse strutture, simbolo di bellezza naturale e sedi di importanti manifestazioni ippiche. Ma anche perché a Pisa vive la pluricampionessa (anche olimpica) di equitazione Sara Morganti, che si allena con il suo cavallo al centro ippico di Coltano e che è stata ‘testimonial’ di varie edizioni di Olimpiadi insieme ai campionissimi (dalla Vezzali a Montano passando per Tania Cagnotto) e che ha girato l’Italia per “raccontare” i suoi Giochi”.

“Il nostro territorio deve far parte del progetto perché tanti atleti olimpici sono nati e cresciuti, anche sportivamente, qui – prosegue Rollo – Basti pensare al campione della corsa Daniele Meucci, cresciuto nella Polisportiva Corso Italia, capace di riportare il mezzofondo italiano stabilmente nell’olimpo continentale, grazie alle medaglie conquistate in numerose competizioni internazionali. Così come Lorenzo Bertini, pontederese, e Matteo Stefanini, entrambi canoisti,  oppure Giulia Rondon pallavolista sbocciata nella palestra della Turris al Cep di Pisa. Durante le mie numerose visite tra le varie società sportive cascinesi, sento che il nostro è un territorio che vive di sport e sento  che vi è una gran voglia di crescere e migliorare sempre di più. I Giochi potrebbero dare un’ulteriore scossa positiva all’intero mondo sportivo. La speranza da amministratore locale di una importante cittadina come Cascina è vedere, finalmente, una coesione delle varie realtà del territorio per raggiungere un risultato importante e che porterebbe sviluppo e benessere a tutti. E sarebbe finalmente anche l’occasione per riavvicinare i territori dell’intera Toscana, che si stringerebbero intorno ad un obiettivo comune. Se invece prevarranno gli interessi del capoluogo fiorentino e vi sarà l’appoggio dei nostri rappresentanti regionali, sarà un’altra occasione persa. Saranno soprattutto i nostri imprenditori e cittadini che perderanno fiducia nella politica e nei suoi rappresentanti. Perderà ancora più credibilità chi fino ad oggi non ha tutelato il nostro territorio accettando di essere relegato in un posto secondario in cambio di qualche poltrona – conclude Rollo.

Leave A Response »