I Lorena e la Toscana Moderna. III edizione della Festa della Toscana

L'Eco del Monte e del Padule 28 novembre 2019 0
I Lorena e la Toscana Moderna. III edizione della Festa della Toscana

Le iniziative dell’Unione Valdera per la Festa –
Oltre 100 rappresentazioni per oltre 1000 studenti (nella foto in occasione della presentazione alla stampa della festa la presidentessa dell’Unione Valdera e sindaco di Capannoli ARIANNA CECCHINI)

Il progetto I Lorena e la Toscana Moderna che Unione Valdera ha presentato, in partenariato con Mimesis, in occasione della Festa della Toscana 2019, giunge alla sua terza edizione.

Il progetto I Lorena e la Toscana Moderna che Unione Valdera ha presentato, in partenariato con Mimesis, in occasione della Festa della Toscana 2019, giunge alla sua terza edizione.

Anche quest’anno protagonisti saranno gli alunni degli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado dei Comuni  di Pontedera, Bientina, Capannoli, Calcinaia e Palaia per la provincia di Pisa e di alcune scuole della provincia di Pistoia. Attraverso l’impiego del mezzo teatrale i ragazzi potranno partecipare ad una serie di attività incentrate sulla figura di Pietro Leopoldo, sul ruolo che ha rivestito a livello europeo il riformismo toscano, nonché sulla funzione fondamentale che i Lorena hanno svolto nella storia della Toscana Moderna.

Regione e Amministrazioni hanno riconosciuto il valore formativo ed educativo delle attività proposte e gli obiettivi, anche a lungo termine, che queste si pongono, come  la trasmissione alle nuove generazioni delle conoscenze e valorizzazione della storia locale e regionale; la diffusione e valorizzazione della ricorrenza della Festa della Toscana e del suo significato; e tanti altri tra cui l’utilizzo della cultura come strumento per rafforzare lo spirito comunitario, ribadendo così l’importanza della conoscenza della storia regionale e locale come mezzo per rafforzare lo spirito di cittadinanza.

 

Il primo evento che aprirà ufficialmente il progetto sarà ospitato dal Comune di Capannoli e sarà dedicato alle scuole primarie. Lo spettacolo, che avrà luogo venerdì 29 novembre alle ore 10,30 si intitola “Articolo 51. Della legge che stupì il mondo”.

 

Uno spettacolo contro la pena di morte, per la pace e la giustizia che si pone un duplice obiettivo: da un lato narrare le vicende che portarono all’abolizione della pena di morte e della tortura nel Granducato di Toscana e il significato che questo ebbe nel resto di Europa; dall’altro  promuovere l’interesse dei ragazzi verso la conoscenza storica del loro territorio. Infatti uno degli aspetti fondamentali del progetto riguarda proprio la necessità di promuovere il riconoscimento dell’identità  della nostra regione, con particolare riferimento ai valori culturali e spirituali che la caratterizzano.

 

Dal 29 novembre le iniziative, legate ai diversi target di età, inizieranno a spostarsi nei vari Istituti, arrivando a coinvolgere migliaia di ragazzi su entrambe le province in tre mesi di attività con oltre 100 rappresentazioni.

Leave A Response »