A Cascina un artista amato da Sgarbi

L'Eco del Monte e del Padule 17 agosto 2018 0
A Cascina un artista amato da Sgarbi

CASCINA, 17 agosto 2018 – Casa Nannipieri Arte, fondata dal critico Luca Nannipieri e Patrizia Ennas, porta a Cascina l’artista Giannetto Salotti, personaggio amato da Vittorio Sgarbi che possiede un prezioso bassorilievo di Giannotti nella sua collezione personale (nella foto in basso, Sgarbi, Nannipieri e l’erede Ilaria Salotti con l’opera finita nella Fondazione Sgarbi).

Le opere dell’artista lucchese Giannetto Salotti (1918-2013) sono esposte da sabato 18 agosto all’Osteria Pasta & Vino (Cascina, via Vagelli 22) in occasione dei 100 anni dalla sua nascita, con lo chef Virgilio Casentini e Lucia Landi che realizzeranno un piatto appositamente ideato sulle opere d’arte “salottiane”, utilizzando prodotti presidio Slow Food.

L’iniziativa, che dura fino al 10 settembre, è il terzo appuntamento di Casa Nannipieri Arte, in collaborazione con Slow Food Valdera; una serie di appuntamenti che uniscono Arte e Cibo, nell’antico contesto dell’osteria.

Afferma in proposito Luca Nannipieri, critico d’arte, personaggio televisivo e firma prestigiosa a livello nazionale:

Faremmo un torto alla storia dell’arte italiana e toscana se lasciassimo all’oblio l’opera, ad oggi sostanzialmente inedita, di Giannetto Salotti”.

Questo artista, che nella sua esistenza ha realizzato circa 370 sculture, 800 disegni tra china e colore e circa 300 dipinti ha espresso un percorso artistico che nelle chine diventa estremamente prezioso– prosegue.

Mentre Vittorio Sgarbi, che ha presentato l’artista e che ne ha voluto per la sua collezione un bassorilievo bianco come il marmo, ha individuato nella scultura rifacente la classicità la forza di Salotti, a mio giudizio il suo valore sta nell’estrema tensione e sintesi espressiva raggiunta nelle chine, che tanto devono al confronto indiretto con maestri come Pablo Picasso, Henry Moore, Marino Marini.

Questi disegni raggiungono una personalità davvero spiccata ed individuale – conclude Nannipieri invitando a presenziare l’esposizione in via Vagelli – Sono sicuro che l’erede Ilaria Salotti sappia al meglio custodire l’eredità di suo padre e sono contento che lo chef Virgilio Casentini e Lucia Landi abbiano deciso di accogliere alcune delle sue opere per crearci attorno piatti di alta e ricercata cucina”.

Leave A Response »