GIACOMO PUCCINI, LA MUSICA E IL LAGO – MOSTRA DOCUMENTO CON PAOLO GRIGO’

L'Eco del Monte e del Padule 21 novembre 2016 0
GIACOMO PUCCINI, LA MUSICA E IL LAGO – MOSTRA DOCUMENTO CON PAOLO GRIGO’

Inserita nel “MESE PUCCINIANO 2016”, dal 27 novembre al 22 dicembre 2016 si tiene nel Foyer del Gran Teatro Giacomo Puccini in Torre del Lago Puccini (Lucca) – Via delle Torbiere – la mostra/documento “Giacomo Puccini, la Musica e il Lago” a cura di Lodovico Gierut e Marilena Cheli Tomei, organizzata dal Comitato Archivio artistico-documentario Gierut di concerto con l’Associazione Amici del Festival Pucciniano e con la Fondazione Festival Pucciniano.

Paolo Grigò, Armonie Lacusti, acrilico su tela cm 70x50, 2010

Paolo Grigò, Armonie Lacusti, acrilico su tela cm 70×50, 2010


L’esposizione, a ingresso libero, si inaugura ufficialmente il 27.11.2016 ad ore 15,30 ed è aperta dal lunedì al venerdì dalle 11,00 alle 17,00, nonché durante gli orari di spettacolo, comprende dipinti, disegni, sculture e fotografie di quasi cento autori di cui al presente elenco: Ernesto Altemura, Roberto Altmann, Giovanna Ambrogi, Giancarlo Baglini, Giampiero Baldazzi, Giovanni Balderi, Susie Barrow, Giuseppe Bartolozzi e Clara Tesi, Marcello Bertini, Gianfranco Bianchi, Marco Bianchi, Alberto Bongini, Roberto Braida, Adastro Brilli, Loretta Brizzi, Caterina Bruno, Joanna Brzescinska-Riccio, Marcello Buffa, Giovanni Cabras, Guido Cagetti, Sigifredo Camacho B., Agostino Cancogni, Giancarlo Cannas, Laura Canova, Mauro Capitani, Gianni Carretti, Maurizio Caruso, Emiliano Chiti Vertax, Anna Chromy, Marzio Cialdi, Lorenzo Cinquini, Paola Colleoni, Ferdinando Coppola, Cristiana Cravanzola, Franco Del Sarto, Lukas den Svarte, Bruno Di Maio, Enzo Fabbiano, Massimo Facheris, Luigi Falai, Umberto Falchini, Carlo Ferrari, Franco Estuardo Figueroa Castillo, Silvana Franco, Renato Frosali, Franca Giannecchini, Marta Gierut, Fabrizio Giorgi, Gian Paolo Giovannetti, Ana Gontero, Paolo Grigò, Paolo Gubinelli, Amedeo Lanci, Paolo Lapi, Paolo Lazzerini, Grazia Leoncini, Arturo Lini, Giuseppe Lippi, Raffaella Rosa Lorenzo, Riccardo Luchini, Renzo Maggi, Clara Mallegni, Annamaria Maremmi, Fabio Mattolini, Sergio Mazzanti, Ivano Mazzucchi, Riccardo Miozzo, Marco Monta
ño Lozano, Eros Giorgio Morandini, Mara Moschini, Giacomo Mozzi, Tito Mucci, Bruna Nizzola, Gianfranco Pacini, Ermanno Palla, Roberto Panichi, Marco Paola, Stefano Paolicchi, Amerigo Pelosini, Stefano Pierotti, Maria Luisa Pisani, Simone Rossi, Cinzia Rossi Ghion, Gabriele Rovai, Stefano Sabella, Franz T. Sartori, Marcello Scarselli, Fabio Sciortino, Liudmila Sidorkevich, Maura Spagnuolo, Sandra Stanzione Landi, Roberto Valcamonici, Paola Vallini, Laura Venturi, Gabriele Vicari, Maria Rita Vita.

Paolo Lazzerini, Quando le note di Puccini volavano sul lago, t. m. su tela cm 100x150, 2016

Paolo Lazzerini, Quando le note di Puccini volavano sul lago, t. m. su tela cm 100×150, 2016


Secondo l’intendimento del critico d’arte Lodovico Gierut, “(…) 
La mostra di gruppo, che è ovviamente accostata ad opere di artisti quali Kan Yasuda, Jean Michel Folon, Pietro Cascella, Igor Mitoraj, Arnaldo Pomodoro, Nall, Serafino Beconi, Franco Adami e altri, stabilmente posizionate negli spazi della Fondazione, non è una classifica, ma l’ideale continuazione, pur se parziale per comprensibili motivi, di altre mostre dove sono stati protagonisti in periodi e luoghi diversi i dipinti di Galileo Chini, Pietro Annigoni, Plinio Nomellini, Lorenzo Viani, Raffaello Gambogi, Ludovico Tommasi, Romano Cosci, Leone Tommasi (…). Varie le interpretazioni, dato che dal figurativo si va sino all’astrazione.

Anna Chromy, Madame Butterfly XV, chalk on black paper cm 70x50, 2006

Anna Chromy, Madame Butterfly XV, chalk on black paper cm 70×50, 2006


I lavori di “Giacomo Puccini, la Musica e il Lago” provengono in buona parte dalla Collezione del Comitato Archivio artistico-documentario Gierut (sorto in memoria di Marta Gierut, con fini artistico-culturali e socio-umanitari), mentre alcuni sono stati realizzati appositamente da altri seri artisti invitati da Lodovico Gierut “
tutti motivatissimi” – come ha affermato lo stesso – “che ben conoscono e apprezzano l’universo pucciniano.


Diversamente da altri eventi, oltre che essere posizionate su cavalletti e su altri supporti, una trentina di opere sono inserite in un contenitore sfogliabile, mentre altre sono presenti solo in modo virtuale, stante l’ampio catalogo-documento multimediale visibile da parte del pubblico, comprensivo pure di istantanee dedicate sia al Lago di Massaciuccoli, sia a trascorse rappresentazioni nel Teatro Giacomo Puccini, come a personaggi conosciuti. 

Roberto Braida, Studio per Vissi d'arte..., t. mista su carta Magnani cm 50x70, 2016

Roberto Braida, Studio per Vissi d’arte…, t. mista su carta Magnani cm 50×70, 2016

Non mancano notizie sulla Fondazione Festival Pucciniano, con presenza dei loghi di enti e associazioni per patrocini gratuiti quali Museo Ugo Guidi, Associazione La Fenice, Associazione Ricerca Neurologica ARNo, START Save Tourisme & Art, Associazione Grazia Leoncini, MEDECINS SANS FRONTIERES, Giardini della Versilia, Con CREDITO, Collettivo37, P.E.R. Belle Arti, Phonegroup, Circolo Filatelico Giacomo Puccini (…). Data la portata prettamente culturale dell’evento, è opportuno sapere che verrà ripetuto, con sostanziali modifiche, nel corso del 2017. E’ in preparazione una pubblicazione cartacea.

mese-pucciniano-2016a

mese-pucciniano-2016b

mese-pucciniano-2016c

Leave A Response »